Società Italiana Boomerang Sportivo

Per registrarsi inviare una e-mail all'indirizzo cerchinelverde<chiocciola>gmail<punto>com specificando lo username scelto.
Oggi è 20 lug 2018, 21:32

Tutti gli orari sono UTC +1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: IDEA NUOVA FORMULA PER CAMPIONATO ITALIANO BOOMERANG
MessaggioInviato: 05 gen 2014, 03:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 01 ago 2013, 08:07
Messaggi: 122
Come vi avevo anticipato nel post precedente a me e ad Enos è venuta in mente la possibilità di introdurre una nuova formula per organizzare in modo più vivace il campionato di boomerang nazionale che ripercorre le esperienze dei nostri recenti incontri informali a Milano e le mie esperienze agonistiche con un altro sport minore, ovvero il tennistavolo :shock:
Da quello che ho capito fino ad oggi, le classifiche del campionato italiano si sono sempre basate sui risultati degli unici tre tornei principali fatti a Milano, Roma e Livorno.
Noi abbiamo pensato alla possibilità di introdurre nuove date organizzando dei tornei tra di noi, "trasformando" questi incontri informali, in incontri ufficiali: d'altronde siamo già riusciti ad organizzare due eventi tra settembre e dicembre e con Ascanio ed Antonio si è parlato di trovarci a marzo, un mese prima del torneo internazionale di Milano per fare un altro test di simulazione gara.
A questo punto cosa ci costa far diventare questi incontri ufficiali, per organizzare un campionato italiano che possa chiamarsi tale?
Ovviamente nulla, tanto gli arbitri siamo sempre noi, il campo è sempre lo stesso, basta accordarsi ed il gioco è fatto !!!
Per quanto riguarda i luoghi dove organizzarlo, le distanze da percorrere ed i punteggi da assegnare, mi affiderei alla mia esperienza del tennistavolo ed a come a livello CSI sono riusciti ad organizzare tornei similari unendo le tre cose, ovvero luogo di svolgimento, distanze dei partecipanti e punteggi da assegnare
Per favorire la riuscita dell' organizzazione occorre dividere le zone (nord, centro e sud) e trovare dei luoghi più o meno equidistanti per gli atleti presenti nelle tre zone.
Per esempio, per la zona nord, a Milano siamo comodi sia noi di Mantova, sia Ascanio, Andrea e Generale di Torino/Biella e ovviamente Antonio, Renato e Valentino che ci abitano ed hanno il campo. Mentre per la Toscana potrebbero trovarsi lo Sgatto, Benedetti, Toxboe e Draco e per Roma Maurizio e chi frequenta il loro campo ed eventuali partecipanti del centro Italia. Da quel che so io attualmente al sud non c'è nessuno che lancia agonisticamente, ma se verrà fuori qualcuno si troverà una zona anche al sud.
A questo punto potremmo aggiungere e credo che la cosa si fattibile (visto che le distanze sono state notevolmente ridotte), 4 tornei annuali, oltre ai 3 internazionali già presenti a calendario ed ogni zona ha la possibilità di organizzarsi per scegliere le date, un altro vantaggio, ovvero essendo in pochi possiamo metterci d'accordo più facilmente.
Parliamo del punteggio, qui occorrerà adottare un sistema similare a quello già utilizzato nell'esperienza agonistica nel csi (ho anche pensato di paragonare i tempi ed i punteggi delle varie zone in assoluto, ma visto che il nostro sport dipende molto dal vento, credo non si possa fare): ovviamente i tornei interni avranno un valore più basso rispetto ai tre tornei internazionali e precisamente potremmo assegnare due punteggi, uno in base alla classifica per ogni singola categoria e l'altro in base alla classifica complessiva delle prove, inoltre i punteggi varieranno in funzione del numero dei partecipanti.
Faccio un esempio:
1° Torneo a Milano (6 partecipanti): al 6° andranno 2 punti, al 5° 4 punti, al 4° 6 punti e così via fino al 1° che prende 12 punti.
1° Torneo a Prato (4 partecipanti): al 4° 2 punti, al 3° 4 punti e così fino al 1° 8 punti
1° Torneo a Roma (2 partecipanti): al 2° 2 punti ed al 1° 4 punti
Alla fine dei quattro tornei si redigerà una classifica per ogni zona, quindi ci sarà la classifica per Milano, per Prato e per Roma sia per discipline che complessiva e seguirà questo punteggio:
30 punti al primo, 25 al secondo, 21 al terzo,18 al quarto, scendendo di tre in tre fino un minimo di 3 al nono (qua occorre forse fare una modifica sul punteggio finale se per esempio in una zona partecipano solo 2 persone e nell'altra 6, per non agevolare nel punteggio la zona che presenta pochi partecipanti, se ne potrà discutere).
Quindi in definitiva questi quattro tornei avranno un punteggio finale valente come uno singolo degli altri tre tornei internazionali, ognuno dei quali avrà il punteggio 30 punti al primo, 25 al secondo, 21 al terzo,18 al quarto, scendendo di tre in tre fino un minimo di 3 al nono e successivi, ovviamente conteggiando i migliori italiani e togliendo gli stranieri.
Infine sarà obbligatorio partecipare almeno alla metà dei tornei interni, quindi a due su quattro, per poter entrare nella classifica del campionato italiano nei tre tornei internazionali.
Cosa ne pensate?
Secondo me quest'idea spacca :D (ovviamente per i punteggi se ne può parlare, la mia è solo una bozza per darvi uno spunto sul quale lavorarci insieme)


Top
 Profilo E-mail  
 
 Oggetto del messaggio: Re: IDEA NUOVA FORMULA PER CAMPIONATO ITALIANO BOOMERANG
MessaggioInviato: 05 gen 2014, 09:31 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 31 mar 2005, 13:25
Messaggi: 780
Località: San Donato Milanese
Ciao Matteo, la novità della vostra idea e quella relativa al decentramento dei tornei, che risolverebbe il problema dei dei costi e dei tempi, grande ostacolo ad uno sport minimale come il nostro.
La questione centrale che porta a non avere arbitri specializzati per il nostro sport, il fatto che siamo giudici dei nostri avversari, non è dovuto ad uno spirito di alta lealtà sportiva che il boomerang sportivo vanta rispetto agli altri, ma al fatto che è necessario avere molti arbitri a fronte di un lanciatore ...
Nelle gare di Accuracy, Fast Catch, Endurance e Trick Catch/D sono richiesti almeno 3 giudici spotter (quelli che verificano la distanza, magari potrebbero passare a 2) ed un giudice che verifica la presa o il fallo di piede sulla piazzola di lancio. Quindi 2 + 1 + il lanciatore, sarebbero quattro ... in questo caso per il fast catch tutti i giudici dovrebbero anche cronometrare il tempo (sono necessari 3 tempi). Quindi 4 lanciatori è il minimo per queste quattro gare. Per l'MTA bastano 3 cronometristi ed un lanciatore, quindi anche per questa gara 4 sono richiesti. il problema è la gara di aussie round, per la quale si deve determinare la distanza raggiunta dal boomerang, sono necessari 2 spotter almeno sulla linea dei 50 metri, e 2 su quella da 40, più 1 su quella da 30 ed il giudice master al centro. Per questa gara ci vogliono quindi almeno 7 lanciatori ...
Tu mi drai che a Milano eravamo in 5 o 6, ma non si controllavano le distanze ... si davano per scontate certe distanze che avevamo prestabilito prima ...
Tra amici si può fare ... anche se molto spesso capita di avere aussie che viaggiano tra i 39 metri e 41, in dipendenza dal lancio e quindi devi accettare il fatto che se nella prova il tuo b non ha superato i 40 metri ti saranno sempre dati 2 punti per la distanza anziche 4 anche se nei lanci in gara avrai superato i 40 più volte ...

Non so' poi se sia proprio la mancanza di disponibilità (economica e di tempo) alla partecipazione a tornei lontano dalla propria città il problema ...

Il problema non è nemmeno il regolamento del Campionato Italiano ...

Ma tutto si può fare ... ben vengano nuove idee, sentiamo gli altri ...
ciao
antonio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: IDEA NUOVA FORMULA PER CAMPIONATO ITALIANO BOOMERANG
MessaggioInviato: 05 gen 2014, 14:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 01 ago 2013, 08:07
Messaggi: 122
La proposta del campionato italiano fatta nel primo post è quella più allettante, ma effettivamente occorre sapere con anticipo i partecipanti di Milano (e zone limitrofe), della Toscana (e zone limitrofe) e di Roma ( e zone limitrofe).
Per quanto riguarda i giudici arbitri, i problemi sono maggiormente risolvibili, per esempio per distanza dell'aussie round, una volta verificato che il boomerang va abbondantemente oltre i 30 metri, basta verificare se supera o no i 40 metri, mentre se verifichiamo che supera abbondantemente i 40 metri, basta verificare che superi solo i 50 metri, mentre per il fatto di pestare la linea si può utilizzare una videocamera posta in prossimità del cerchio ed il gioco è fatto, sono tutti problemi risolvibili in modo semplice ;)
Infine ho pensato ai punteggi a spot, proprio per il fatto che le gare non debbono misurarsi in assoluto con tempi assoluti, quindi basta mettere una regola che vada bene per tutti, in tal caso si possono minimizzare i cronometristi e quant'altro e cmq il punteggio complessivo delle gare interne andrebbe ad influire solo per un quarto rispetto a quello dei tornei internazionali.
Per quanto riguarda la zona di Milano credo che un numero di partecipanti minimo ci sia, occorrerà vedere per le altre zone piuttosto.
Se le altre zone non riuscissero a dare il loro contributo in termini numerici di partecipanti, si potrebbe optare per questa seconda soluzione, ovvero fare sempre 4 incontri ufficiali ma con una classifica finale legata solamente alle quattro prove e chiamarla per esempio coppa italiana boomerang o coppa interregionale boomerang ed organizzare i tornei nel posto numericamente più comodo, quindi credo sempre Milano ( ma anche un altra città), con la possibilità di aggiungere i partecipanti che vogliono aderire da qualsiasi regione d' Italia, dividendola dal campionato italiano costituito dalle tre tappe di tornei internazionali in Italia.
Ad ogni modo questi tornei interni dovranno essere conclusi in giornata, proprio per evitare spese eccessive ed impegni troppo faticosi che non favorirebbero le partecipazioni.
----------------------------------------------------------------------------
Perchè secondo me dovremo impegnarci moltissimo perchè questa cosa vada assolutamente in porto?
1) Per fare gruppo e conoscerci meglio, per condividere maggiormente la nostra passione, per competere allegramente in uno sport dove emergere è forse la cosa meno importante, già dopo i due incontri informali fatti a Milano ci siamo affiatati non poco;
2) Perchè aumentare il numero di incontri fa si che ognuno cresca tecnicamente in modo più rapido ed abbiamo già potuto verificare quanto questi incontri siano importanti per la nostra crescita sportiva, inoltre se si innalza velocemente il livello medio, anche i veterani che si sono adagiati in quanto sono mancate le occasioni di confronto troveranno nuovi stimoli per migliorarsi ulteriormente, anche nell'ottica di formare in futuro un squadra nazionale competitiva;
3) Perchè allenarsi durante l'anno per partecipare solamente a tre tornei nazionali, mi sembra molto riduttivo, anzi contribuirebbe a sminuire gli sforzi di coloro che vogliono confrontarsi per migliorare;
4) Perchè allestire un campionato tale di nome, magari pubblicizzandolo sui nostri siti, nei gruppi "boomerang" di facebook etc., potrebbe dare nuovo vigore al movimento, potremmo diventare un esempio per altre federazioni nazionali che saranno speranzose ed incentivate a dare di più per favorire la crescita di questo sport;


Top
 Profilo E-mail  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC +1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it